fbpx

testata

Vota questo articolo
(9 Voti)

PASSO DOPO PASSO NELLE TECNOLOGIE DIGITALI

Il mondo va sempre più nella direzione “digitale”...
a cura di: Massimiliano Raponi

Viviamo tutti in un mondo sempre più digitale: gli eventi che ci hanno coinvolto dall’inizio del 2020 hanno dimostrato come questo sia al centro della nostra società. Per godere delle tecnologie digitali come Internet, social media, streaming multimediale, pagamento di bollette, giochi online o acquisto di qualcosa di personale, è necessaria un’infrastruttura che necessita di professionisti che la supportino.
Con l’aumento del nostro utilizzo delle tecnologie digitali, aumenta anche la domanda di professionisti capaci. Poiché non possiamo avere buon cibo senza chef, sistemi uguali, sicuri e affidabili richiedono esperti per progettarli, svilupparli, proteggerli e mantenerli.

01

Il moderno mondo digitale ha un vasto panorama tecnologico interconnesso in continuo cambiamento che non dorme mai. Streaming, zoom, apprendimento, operazioni bancarie e condivisione. Siamo sempre connessi. Tutti gli acquisti e le vendite, le consegne, la cura e persino l’esplorazione di altri mondi dipendono dalla complessa infrastruttura di cavi, fibra, satelliti e wireless, che collega miliardi di computer e altri dispositivi in ogni angolo, ogni tasca del globo. Questa infrastruttura, a sua volta, si basa sulle persone. Dietro gli schermi, dietro gli algoritmi, ci sono professionisti digitali che lavorano instancabilmente e spesso invisibilmente in background, creando sistemi, mantenendo servizi, risolvendo problemi. E la società ne ha bisogno di più, molto di più. Siamo arrivati al punto che abbiamo bisogno di persone che sappiano lavorare e sviluppare nel nuovo mondo.
Poiché la tecnologia che utilizziamo si evolve e cresce, così fanno i tipi di ruoli di lavoro necessari per far funzionare tutto, la conseguenza è la carenza di competenze a livello globale.
Nelle prossime pubblicazioni di Truman Journal parleremo di tutto questo universo nello specifico, scopriremo il significato del digitale ed esploreremo la nuova era, come si comportano le aziende, come funziona una Smart city, un porto automatizzato, come applicare l’Intelligenza Artificiale e L’IoT (Internet delle cose) per la nostra salute, come possiamo avere una vita rispettando il verde che ci circonda e ovviamente parleremo di Society 5.0.

02

Per fare una breve ritorno al passato, c’è stato un tempo in cui i sistemi informatici erano di proprietà di grandi società, istituzioni finanziarie, governi, militari e università. I privati, come noi, non avrebbero mai considerato di possedere un computer, soprattutto uno in tasca come uno smartphone. I tempi sono cambiati poiché i costi, la disponibilità e la connettività sono notevolmente migliorate: molti di noi ora si aspettano di poter trasmettere video di gatti sempre e ovunque!
Digitale è una parola che usiamo tutti. È una parola molto antica ed era originariamente un termine anatomico (relativo al tuo corpo), che significa semplicemente le tue dita. Il termine deriva dall’inglese digit, che significa “cifra”, che in questo caso si tratta del codice binario, ovvero un sistema numerico che contiene solo i numeri 0 e 1, che a sua volta deriva dal latino digitus, che significa “dito”: con le dita infatti si contano i numeri.
La maggior parte di noi è benedetta con dieci dita, cinque a sinistra e cinque a destra.
Il termine digitale è spesso usato quando si parla di contare: come bambini in età scolare, ci è stato insegnato a tutti a contare da uno a dieci usando le cifre (le dita, cioè). Con il conteggio tramite la mente, dobbiamo sapere che al loro livello più semplice i computer sono macchine per il conteggio, ecco la differenza in cui:
- I computer devono utilizzare 0 e 1 binari per rappresentare l’accensione, lo spegnimento o la luce accesa, la luce spenta. Con questo, possono contare a velocità eccezionalmente elevate, miliardi di volte al secondo.
- Anche i computer si confrontano: è più grande, uguale o più piccolo. Anche i processori più semplici possono farlo milioni di volte al secondo.

03

In origine usavamo tecnologie analogiche: questa parola significa semplicemente fisico. Pensate a un orologio con le lancette, questa è l’ora analogica, pensate a un orologio con i numeri (cifre) e questa è l’ora digitale.
Mentre i computer calcolano, i dati vengono trasmessi in un formato numerico digitale utilizzando 0 e 1 binari a una velocità eccezionalmente elevata. Con il tempo il termine digitale non si riferiva più alle dita, anche se il significato non è cambiato. Al giorno d’oggi, quando molti pensano al digitale, si tratta di sistemi informatici e del loro comportamento invisibile.
Tuttavia, abbiamo detto che ai bambini in età scolare viene insegnato a contare da uno a dieci usando le dita. Per i computer, questo non ha significato e lo sarebbe se avessero dieci dita (anche con la migliore immaginazione fantascientifica, non lo fanno). Istintivamente inizierebbero a contare da 0 (zero è un numero) in questo modo: 0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9.
Dagli anni ‘90 due termini che sono apparsi, sono stati popolari e sono diventati attualmente impopolari, sono IT (tecnologia dell’informazione) e ICT (tecnologia dell’informazione e della comunicazione). Questi sono termini di altissimo livello, spesso usati per descrivere l’istruzione e le tecnologie per i principianti. Tuttavia, nel tempo, argomenti più avanzati come l’ingegneria del lavoro in rete sono stati erroneamente raggruppati in questo genere.
IT e ICT è qualsiasi tecnologia che utilizziamo, come una penna o un laptop, per trasmettere informazioni, significato e comprensione. Gutenberg è stato sicuramente un antenato delle soluzioni informatiche quando ha inventato la macchina da stampa.
Man mano che le tecnologie vanno e vengono, si evolvono anche in un modo interessante. Possiamo ricordarci i floppy disk oppure il famoso mouse con la pallina all’interno.

04

Ad esempio, il cloud computing non è nuovo (chiamato rete intergalattica di computer). Fu introdotta da JCR Licklider, responsabile nel 1969 dello sviluppo di ARPANET, l’Advanced Research Projects Agency Network (Rete dell’Agenzia per i progetti di ricerca avanzati).
La sua fondazione risiede nella tecnologia sviluppata negli anni ‘70, quando i grandi sistemi di computer mainframe stavano diventando più potenti e le aziende avevano bisogno di un modo efficiente per archiviare i dati, gestire il lavoro del sistema e distribuire le risorse. Con l’aumento della potenza di elaborazione dei data center, la velocità delle tecnologie di rete e la larghezza di banda disponibile sono migliorate... quindi, l’opportunità di offrire servizi di elaborazione remota agli utenti ordinari è diventata fattibile.

05

Con l’esplosione del Web 2.0, (Nb: ora stiamo entrando nel Web 3.0, la parola Metaverso vi dice niente?) il cloud ha fatto passi da gigante. Google, Microsoft, Apple, Amazon e altri hanno iniziato a offrire applicazioni aziendali basate su browser.
Google in particolare, grazie a Google Apps, dal 2006 comincia ad offrire una serie di servizi online che concorreranno con programmi di uso comune come Excel o Word. Ma non solo questi grandi colossi hanno avuto successo, bensì aziende startup come: INTRATEL, OneStepCloud, e così via.
Oggi utilizziamo altoparlanti intelligenti per lo streaming, per fare richieste, porre domande stupide, giocare o magari collegarli al nostro riscaldamento di casa, lampadine e telecamere di sicurezza, stiamo utilizzando tecnologie cloud.
Come qualcuno ha detto una volta:
Cosa è il Cloud? - Beh è il computer di qualcun altro!
Il cloud è un esempio del panorama in continua evoluzione all’interno delle tecnologie digitali: poiché le tecnologie si adattano, dovete farlo anche voi. La stessa situazione vale anche per gli esperti di sicurezza informatica poiché gli sforzi criminali diventano più diabolici nella loro semplicità e portata.
Man mano che sempre più persone utilizzano la tecnologia e la velocità e la potenza delle comunicazioni e dell’elaborazione remota aumentano, i criminali informatici stanno trovando un terreno fertile, passando dallo spam a compromessi più elaborati. Al giorno d’oggi, è un gioco del gatto e del topo di sicurezza informatica, in cui molti utenti di tecnologie digitali sono intrappolati nel mezzo.
Ma se ci pensate bene, tante cose sono cambiate. Pensate alla vostra postazione di lavoro. Non esiste un ambiente di lavoro tipico, tuttavia ci sono molte situazioni comuni di cui devi esserne consapevole. Oggi possiamo lavorare da casa, in ufficio e in viaggio.
Questa è stata una vera e propria conquista, un passo avanti per tante, tantissime persone, infatti sono nati nuovi lavori.
Ad attrarre questa possibilità è stata la promessa della flessibilità, dell’efficienza senza dover perdere ore in giro per la città e il risparmio anche economico sugli spostamenti.

06

La conclusione è chiara: per farcela dovete considerate questo passaggio. Tutto ruota intorno al cloud computing.
Ma cari amici ne parleremo meglio nel prossimo articolo.
Massimiliano Raponi

 Maurizio Bartolini
Direttore Responsabile

07

* * * * * *all rights reserved unauthorized copying reproduction* * * * * *

Collegato a Truman TV International: https://trumantv.videogram.mc/truman-tv-international.html
Rubrica di Informazione ed Intrattenimento del Direttore Responsabile Maurizio Bartolini
Pour info et communications: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
WhatsApp: 329 62 37 408

Ph. et assemblage: Jimmy Olsen

New VideoGram - 44, boulevard d’Italie - Principauté De Monaco
Editore contenuti e prodotti mediatici, televisivi e radiofonici Truman TV e Truman Journal
CEO - Christine Montepilli

* * * * * *

 

Letto 4289 volte

Radiotruman TV

  • RadioTruman nasce nel 1997 dalla collaborazione di un gruppo di artisti come una delle prime web radio in Italia. Editore della Radio è la "Nuova Videogram"  (www.videogram.mc) appartenente al Gruppo MC Communications & Promotions con sede in Montecarlo.

RadioTrumanLogo

Contatti

44, Bd d'Italie
Monaco, 98000
Principato di Monaco
Mobile: +33 607 939 657
radiotrumantv.com/