fbpx

testata

Vota questo articolo
(0 Voti)

INTELLIGENZA ARTIFICIALE – NON SOLO PER GLI APPASSIONATI DI TECNOLOGIA…

Un argomento che affascina molto gli appassionati di tecnologia, ma anche quelli che ne vorrebbero sapere di più, è l’argomento sull’Intelligenza Artificiale.
Cercheremo di fornire un’ampia comprensione dell’Intelligenza Artificiale, o AI, partendo dal passato per poi continuare il nostro viaggio nel presente fino ad approdare nel futuro.
a cura di Massimiliano Raponi

01

Dando un breve accenno alle origini, ve lo siete mai chiesto che cosa è l’intelligenza?
Potremmo definirla come la capacita di apprendere, di ragionare, di riflettere e risolvere i problemi, che equivale a dire: generare conoscenza.
L’intelligenza necessita di “memoria”, non solo come capacità di ricordare eventi passati, ma come funzione in grado di predire il futuro a partire da esperienze passate.
Da quando il nostro cervello si è evoluto, passando da Australopithecus (genere estinto di primati della famiglia degli ominidi, che si ritiene appartenente alla famiglia dell’uomo) a Homo sapiens, abbiamo sviluppato capacità di linguaggio, di memoria verbale, di comprensione, di coscienza e siamo arrivati in seguito alla comunicazione.

Pensate ai segnali di fumo e di fuoco del Far West, ai piccioni viaggiatori nell’era medioevale, ai tamburi “parlanti” dell’Africa nera, al telefono acustico di Robert Hook del 1667, al telegrafo ottico di Claude Chappe del 1793, al telegrafo di Samuel Morse nel 1844, al telefono di Meucci del 1849 (1865 Manzetti- 1876 Bell poi), al Bit di Claude Shannon del 1948, al circuito integrato di Jack Kilby del 1958, al Microprocessore inventato dall’italiano Federico Faggin nel 1968, all’Internet di Vinton Cerf nel 1978, al Web di Tim Bernes Lee nel 1989,fino ad arrivare nel 2004 Facebook di Mark Zuckerberg e così via. Ma quanta evoluzione abbiamo fatto? Ma quanta ancora ne faremo? E gli algoritmi? Sono tra le più alte conquiste culturali dell’umanità.

Tutto questo per dirvi che abbiamo appreso a fare di tutto, da intagliare pietre per farne utensili al creare realtà virtuali di ogni genere vivendo in mondi immaginari. Ma tutto parte dal nostro cervello che è l’unico contenitore in cui “più cose metti e più ce ne vanno”. (Cloud, Big Data, come esempio vi dicono niente?). Ovviamente ci sono dei limiti ma se manteniamo il nostro cervello “allenato” possiamo potenziare aspetti nascosti. Ma lo sapete che ogni neonato ha la capacita di apprendere una qualsiasi delle 7000 circa lingue parlate nel mondo?
Gli scienziati dell’informatica sono riusciti a replicare alcune proprietà funzionali (neuroni, fibre, sinapsi, memoria semantica ed episodica, etc etc.) del cervello umano in macchine elettroniche che usano il silicio e un codice binario. Dall’astronomia poi, grazie agli algoritmi, abbiamo sviluppato nuove tecniche di sequenziamento del DNA e sempre dall’astronomia potremmo avere nuove sorprese per lo studio del nostro cervello.
Il nostro cervello è stato preso come modello di funzionamento per sviluppare nuovi modelli di intelligenza artificiale. Non dimenticate che il cervello funziona anche grazie a correnti elettriche cosi come il computer. C’è tanto in comune tra modelli di AI e il nostro cervello, ma i ricercatori non comprendono ancora perché funzionano entrambi in modo così efficiente pur essendo tanto differenti.
Se circa 10 anni fa, qualcuno avesse menzionato il termine “Intelligenza Artificiale”, con buone probabilità sarebbe stato deriso. Per la maggior parte delle persone dell’epoca avrebbero pensato a macchine senzienti e fantascientifiche come Star Trek o Odissea nello Spazio.
Oggi è una delle parole d’ordine più in voga nel mondo degli affari e dell’industria. La tecnologia AI è un perno cruciale di gran parte della trasformazione digitale in atto oggi, poiché le organizzazioni si posizionano per trarre vantaggio dalla quantità sempre crescente di dati generati e raccolti.
Per me è importante che mentre la tecnologia avanza e il nostro mondo diventa sempre più digitale, si progetti un futuro che non lasci indietro nessuno. Ora esiste una tecnologia che può aiutare le persone con difficoltà motorie a utilizzare e controllare i propri computer con gli occhi, in modo simile al modo in cui un mouse viene controllato con una mano. Ora esiste una tecnologia che consente alle persone di acquistare oggetti semplicemente scattando una foto. Questi sono tutti esempi di intelligenza artificiale...

Esploreremo cosa sia effettivamente l’IA.
Per fare un passo indietro, pensiamo all’oggetto più complesso dell’universo. Provate a pensare quale oggetto potrebbe essere. Non l’avete capito? È letteralmente nella nostra testa. Si, è il cervello umano. Il cervello umano ha le reti più complesse. Anche i sistemi tecnologici più potenti che esistono oggigiorno non possono eguagliarlo. Essere in grado di rendere questi sistemi potenti quanto il cervello è l’obiettivo finale dell’intelligenza artificiale.
Pertanto, l’intelligenza artificiale può attualmente essere definita come un insieme di diverse tecnologie che possono essere riunite per consentire alle macchine di agire con livelli di intelligenza simili a quelli umani. Ciò include l’apprendimento delle regole richieste per prendere determinate decisioni e ragionamenti per arrivare a determinate conclusioni, imparare dagli errori e dalle esperienze passate e autocorreggersi. Ci sono molti passaggi lungo la strada per arrivare a un punto in cui un computer può pensare come un essere umano. I sistemi di intelligenza artificiale possono essere inseriti in diversi clusters di complessità. Al momento, i sistemi di IA semplici, deboli o stretti sono già ovunque. Li usiamo già nelle nostre case, nelle nostre auto e persino nel controllo del traffico aereo.
L’idea è che un tale sistema di intelligenza artificiale sia progettato e addestrato per compiti specifici. Queste attività potrebbero includere assistenti personali virtuali, come Siri di Apple. Attualmente, i sistemi di intelligenza artificiale ristretti possono essere applicati in diversi modi attraverso la classificazione di immagini, la comprensione del parlato e la traduzione di testi. Pensate a quando ponete delle domande a Alexa di Amazon, può aiutarti a trovare risposte da Internet, impostare sveglie, effettuare acquisti e molto altro ancora. Quindi potresti già utilizzare l’intelligenza artificiale ogni giorno. Tuttavia, come accennato in precedenza, esiste una corsa per costruire la cosiddetta IA forte che agirebbe più come un cervello umano. Di fronte a un compito sconosciuto, un potente sistema di intelligenza artificiale sarebbe in grado di trovare una soluzione senza l’intervento umano.
La sua intelligenza sarebbe in grado non solo di eguagliare, ma anche di superare quella degli umani. Attualmente esiste un’IA forte con dei limiti. Ma si prevede che avanzerà nei prossimi decenni. Ci sono una miriade di altri vantaggi che l’IA offre. Per le aziende, può aiutarle a ridurre i costi e aumentare le entrate essendo più mirate e raffinate nelle loro azioni. Quando organizzazioni come governi, aziende e enti di beneficenza utilizzando l’intelligenza artificiale, potranno portare a una società più sana, più produttiva e migliore.
L’intelligenza artificiale non è nuova. È stata formalmente fondata nel 1956 da un gruppo di scienziati negli Stati Uniti. Da allora, l’intelligenza artificiale ha attraversato molti cicli, attraversando periodi di grandi scoperte scientifiche, seguiti da “inverni AI” - periodi di delusione dopo che l’IA non è riuscita a realizzare il suo clamore. Negli ultimi anni, con l’applicazione più diffusa dell’IA, l’uso responsabile dell’IA, inclusi etica e pregiudizi, è diventato un fattore significativo nel suo sviluppo.

Cronistoria dell’Intelligenza Artificiale

1936: Macchina di Turing
Il matematico britannico Alan Turing applica le sue teorie per dimostrare che una macchina informatica - nota come “macchina di Turing” - sarebbe in grado di eseguire processi cognitivi, a condizione che possano essere scomposti in più passaggi individuali e rappresentati da un algoritmo. In tal modo, pone le basi per quella che oggi chiamiamo intelligenza artificiale.

02

1956: Inizia la storia: viene coniato il termine “AI”
Nell’estate del 1956, gli scienziati si riuniscono per una conferenza al Dartmouth College nel New Hampshire. Credono che gli aspetti dell’apprendimento, così come altre caratteristiche dell’intelligenza umana, possano essere simulati dalle macchine. Il programmatore John McCarthy propone di chiamare questa “intelligenza artificiale”. Durante la conferenza viene scritto anche il primo programma di intelligenza artificiale al mondo, “Logic Theorist”, che riesce a dimostrare diverse dozzine di teoremi e dati matematici.

03

1966: Nasce il primo chatbot
Lo scienziato informatico tedesco-americano Joseph Weizenbaum del Massachusetts Institute of Technology inventa un programma per computer che comunica con gli esseri umani. “Eliza” utilizza script per simulare vari interlocutori di conversazione come uno psicoterapeuta. Weizenbaum è sorpreso dalla semplicità dei mezzi necessari a Eliza per creare l’illusione di un interlocutore umano.

04

1972: AI entra in campo medico
Con “Mycin”, l’intelligenza artificiale trova la sua strada nelle pratiche mediche: il sistema esperto sviluppato da Ted Shortliffe presso la Stanford University viene utilizzato per il trattamento delle malattie. I sistemi esperti sono programmi per computer che raggruppano le conoscenze per un campo specialistico utilizzando formule, regole e un database di conoscenze. Sono utilizzati per la diagnosi e il supporto del trattamento in medicina.

05

1986: “NETtalk”
Al computer viene data una voce per la prima volta. Terrence J. Sejnowski e Charles Rosenberg insegnano al loro programma “NETtalk” a parlare inserendo frasi di esempio e catene di fonemi. NETtalk è in grado di leggere parole e pronunciarle correttamente, e può applicare ciò che ha imparato a parole che non conosce. È una delle prime reti neurali artificiali, programmi che vengono forniti con grandi set di dati e sono in grado di trarre le proprie conclusioni su questa base. La loro struttura e funzione sono quindi simili a quelle del cervello umano.

1997: Il computer batte il campione del mondo di scacchi
Il computer per scacchi AI “Deep Blue” di IBM sconfigge il campione del mondo di scacchi in carica Garry Kasparov in un torneo. Questo è considerato un successo storico in un’area precedentemente dominata dall’uomo. I critici, tuttavia, trovano da ridire su Deep Blue per aver vinto semplicemente calcolando tutte le mosse possibili, piuttosto che con l’intelligenza cognitiva.

06

2011: l’IA entra nella vita di tutti i giorni
I progressi tecnologici nel campo dell’hardware e del software aprono la strada all’ingresso dell’intelligenza artificiale nella vita di tutti i giorni. Potenti processori e schede grafiche in computer, smartphone e tablet offrono ai consumatori regolari l’accesso ai programmi di intelligenza artificiale. Gli assistenti digitali in particolare godono di grande popolarità: “Siri” di Apple arriva sul mercato nel 2011, Microsoft introduce il software “Cortana” nel 2014 e Amazon presenta Amazon Echo con il servizio vocale “Alexa” nel 2015.

2011: AI “Watson” vince il quiz
Il programma per computer “Watson” gareggia in un quiz televisivo statunitense sotto forma di un simbolo animato sullo schermo e vince contro i giocatori umani. In tal modo, Watson dimostra di comprendere il linguaggio naturale ed è in grado di rispondere rapidamente a domande difficili.

2018: AI dibatte sui viaggi nello spazio e fissa un appuntamento dal parrucchiere
Questi due esempi dimostrano le capacità dell’intelligenza artificiale: a giugno, “Project Debater” di IBM ha discusso argomenti complessi con due relatori esperti e si è comportato molto bene. Poche settimane prima, Google ha dimostrato in una conferenza come il programma di intelligenza artificiale “Duplex” telefona a un parrucchiere e fissa un appuntamento in modo colloquiale, senza che la signora all’altro capo della linea si accorga che sta parlando con una macchina.

20xx: Il futuro prossimo è intelligente
Nonostante decenni di ricerca, l’intelligenza artificiale è relativamente ancora agli inizi. Deve diventare più affidabile e sicuro contro le manipolazioni prima di poter essere utilizzato in aree sensibili, come la guida autonoma o la medicina. Un altro obiettivo è che i sistemi di intelligenza artificiale imparino a spiegare le loro decisioni in modo che gli esseri umani possano comprenderle e ricercare meglio come pensa l’IA. Numerosi scienziati, come il professor Matthias Hein dell’Università di Tubinga, dotato di Bosch, stanno lavorando su questi argomenti.

Ma in definitiva: L’IA sostituirà tutti gli esseri umani nella forza lavoro?
L’IA non sostituirà gli esseri umani nella forza lavoro. L’aumento umano (macchine che aiutano gli esseri umani) porterà a modi di lavorare nuovi, veloci e intelligenti. Gli esseri umani saranno anche necessari per migliorare le prestazioni delle tecnologie intelligenti e per assumere altri valori più elevati e responsabilità interpersonali che le macchine non sono in grado di svolgere (ad esempio creatività, improvvisazione, destrezza, giudizio, abilità sociali e di leadership, ecc.). Le macchine sono davvero brave nella ripetizione, nella velocità e nella previsione, ed è qui che possiamo trarre vantaggio dai loro punti di forza! La piena promessa dell’IA dipende dal fatto che esseri umani e macchine lavorino in modo collaborativo (l’intelligenza collaborativa) per sviluppare esperienze, cliente, differenziate e creare prodotti, servizi e mercati completamente nuovi. Questa è la vera opportunità dell’IA.

Come accennato all’inizio dell’articolo, possiamo pensare all’intelligenza artificiale come ad un insieme di tecnologie che consentono a macchine e sistemi di percepire, comprendere, agire e apprendere. Parliamo un po’ più in dettaglio di queste capacità e delle tecnologie dietro di esse.
Cominciamo con la prima capacità: il senso.
Quando parliamo di senso, intendiamo che l’IA consente a una macchina di percepire il mondo circostante raccogliendo ed elaborando immagini, suoni, parole e testo. Esempi di ciò includono il riconoscimento facciale, come quando il telefono si sblocca con un semplice sguardo, la categorizzazione delle immagini: è un cane o un gatto? Riconoscimento del modello sonoro: sono fuochi d’artificio o esplode una bomba?

Parole chiave:
Riconoscimento facciale: tecnologia in grado di identificare una persona da un’immagine o da un video utilizzando le caratteristiche del viso.
Categorizzazione delle immagini: il processo di inserimento delle immagini in diverse categorie da utilizzare all’interno di un modello di formazione.
Riconoscimento dei modelli sonori: il processo di classificazione dei suoni in diverse categorie e riconoscimento dei modelli nei suoni.
Tradurre la voce in testo: quando la tecnologia trasforma la lingua/voce che viene pronunciata in una trascrizione testuale.
Computer vision: la capacità di consentire ai computer di vedere, riconoscere ed elaborare le immagini nel modo in cui gli esseri umani possono attraverso analisi di video o immagini.
Elaborazione audio: l’analisi dei segnali audio.

Di seguito, un esempio tangibile delle capacita sensoriale con cui potete facilmente divertirvi anche senza nessuna esperienza di AI o di hardware locale richiesto.
One Step AI (https://onestepai.com/) by Intratel (https://intratel.pl/) è uno strumento di sperimentazione e prototipazione di visione artificiale. Vi aiuterà a creare rapidamente modelli di machine learning e a testarli dal vivo nel cloud che potete provare gratuitamente.
Utilizzate questa piattaforma in questi campi e fidatevi, lo troverete fantastico e stimolante:
Biologia ed ecologia ricerca: classificazione dell’immagine della telecamera trappola.
Scuole e istruzione superiore: classi di analisi dei dati di livello base.
Progetti di elettronica per hobby: analisi dei filmati di sicurezza domestica.
Scienza dei dati e ricerca e sviluppo: prototipazione rapida e ottimizzazione del modello.
Confronti delle prestazioni hardware.
Sperimentazione con una varietà di architetture per applicazioni IoT.

Ora parliamo della seconda capacità, ovvero quella di comprendere.
L’intelligenza artificiale consente a una macchina di comprendere le informazioni che raccoglie attraverso il riconoscimento di schemi. Questo è molto simile al modo in cui gli esseri umani interpretano le informazioni comprendendo i modelli presentati e i loro contesti. Alcune delle tecnologie che stanno dietro sono: Natural Language Processing o NLP. Ciò consente ai programmi per computer di comprendere la lingua parlata. Attualmente la PNL funziona attraverso un processo chiamato deep learning. In sostanza, il linguaggio è suddiviso in parti elementari più brevi per insegnare alla macchina a comprendere le loro relazioni e come lavorano insieme, detto rappresentazione della conoscenza.
Si tratta di rappresentare informazioni sul mondo in una forma che un sistema informatico può utilizzare per risolvere compiti complessi come diagnosticare una condizione medica o dialogare in un linguaggio naturale. Riconoscimento vocale. Questa è la traduzione del parlato in testo o formato che le macchine possono leggere. Ad esempio, pensate ai sistemi telefonici automatizzati che riconoscono la nostra voce, elaborano la nostra richiesta e ci indirizzano al reparto corretto quando chiamiamo un'azienda. Un paio di altri esempi di macchine che cercano di comprendere sono: Facebook che utilizza l’elaborazione del linguaggio naturale per cercare modelli e post degli utenti al fine di capire come si sentono le persone riguardo a un determinato marchio o prodotto.
Chatbot come IP Soft Amelia o IBM Watson che svolgono ruoli di service desk come la gestione dei reclami dei clienti o la risoluzione dei problemi di help desk dei clienti.
Infine, abbiamo la capacità di agire e imparare. Si tratta di consentire a una macchina di prendere decisioni in un mondo fisico o digitale in base alla comprensione da parte dell’IA di ciò che è richiesto. Attraverso questo processo, l’IA può imparare continuamente, migliorare i risultati e migliorare nello svolgere il compito. Può ottimizzare continuamente le prestazioni imparando dai successi o dai fallimenti di queste azioni. Alcuni esempi di dove l’IA agisce e impara sono: Netflix, che suggerisce film, programmi TV e documentari, in base all'attività, ai modelli e ai comportamenti precedenti di uno spettatore. Più guardi, più apprende e meglio suggerisce contenuti pertinenti da guardare. Auto a guida autonoma: il deep learning è una delle cose che rende possibili le auto a guida autonoma.

Non confondiamo però Intelligenza Artificiale dall’Automazione.
I termini “intelligenza artificiale” ed “automazione” sono spesso usati in modo intercambiabile. Sono l’abbreviazione di “robot” e altre macchine che ci consentono di operare in modo più efficiente ed efficace, che si tratti di un costrutto meccanico che mette insieme un’auto o, sai, di non morire in un incendio perché è scattato l’allarme fumo.
Ma ci sono alcune differenze piuttosto grandi tra i sistemi automatizzati e le macchine di intelligenza artificiale. È come confrontare mele e le pere.
L’intelligenza artificiale viene utilizzata per aiutare gli esseri umani in attività non ripetitive per trovare schemi, imparare dalle esperienze e quindi utilizzare l’apprendimento automatico per scegliere le risposte corrette. A differenza dell’automazione, non segue ordini o regole.
L’automazione è ovunque e viene utilizzata nella vita di tutti i giorni senza che noi ce ne accorgiamo . Quando riceviamo un’e-mail di promemoria o un messaggio di testo per un appuntamento specifico, molto probabilmente si tratterà di una risposta automatica, impostata in anticipo in un sistema. Ad esempio, quando si prenota un appuntamento con il dentista e si riceve un’e-mail prima dell’appuntamento, è probabile che si tratti di una risposta automatica. Ciò ha reso il lavoro più semplice e facile per le aziende, offrendo al contempo ai propri clienti un’esperienza più personalizzata. Ha inoltre consentito al personale di avere più tempo da dedicare a compiti più interpersonali, come parlare con i clienti e comprendere i loro problemi, poiché le attività smemorate e ripetitive (come l’invio di un’e-mail di promemoria) sono già state sbrigate!

In breve:
L’automazione è un software che segue “regole” pre-programmate.
L’intelligenza artificiale è progettata per simulare il pensiero umano.

L’intelligenza artificiale viene utilizzata per fornire informazioni. Ad esempio, immaginate che qualcuno abbia un trauma cranico e debba determinare il livello del danno. Una macchina di intelligenza artificiale potrebbe aiutare a diagnosticare il grado di danno essendo “addestrata” su più raggi X di precedenti lesioni alla testa. Comprenderebbe quindi la gravità dell’attuale trauma cranico e fornirebbe un risultato informato. Ciò potrebbe aiutare i medici a fornire la loro diagnosi generale per il paziente molto più rapidamente, poiché avrebbero già acquisito le informazioni sulla gravità della lesione dalla macchina di intelligenza artificiale e avrebbero quindi una migliore comprensione delle condizioni del paziente prima di eseguire i controlli.
Dopo aver affrontato le tecnologie alla base dell’IA e delle cose che l’IA è in grado di fare, diamo un’occhiata ad alcuni dei vantaggi e delle cose da considerare dietro l’intelligenza artificiale.
Alcuni dei vantaggi dell’IA includono in primo luogo una maggiore efficienza. L’IA porta un nuovo livello di efficienza nell’uso delle risorse. L’apprendimento automatico può estrarre significato da set di dati grandi e complessi. L’IA può quindi vedere schemi e anomalie nei dati che gli esseri umani non possono. Prendete in considerazione il rilevamento del cancro, per esempio. Gli specialisti umani possono riconoscere diverse centinaia di modelli maligni in una scansione del cancro, mentre l’IA può riconoscerne migliaia. Il tutto con una grande precisione.
Negli ultimi anni, l’IA è stata in grado di analizzare modelli meteorologici e dati climatici complessi, che possono portare a previsioni climatiche più accurate e, di conseguenza, alla prevenzione di disastri naturali, come tornado e uragani. Questo è importante, poiché significa che possiamo essere consapevoli dell’arrivo di disastri naturali e avere più tempo per rispondere o ridurre al minimo il loro impatto.
In terzo luogo, esperienze migliori per i clienti. Utilizzando l’IA, un’azienda può migliorare il modo in cui interagisce con i propri clienti. Ciò potrebbe comportare cose come l’esperienza del cliente tramite chatbot e assistenti digitali, disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per conversare con i clienti. Potrebbe anche significare che negli ospedali, ad esempio, l’IA può concentrarsi su compiti manuali e ripetitivi come comprendere la storia medica di un paziente leggendo tutti i documenti storici, mentre gli infermieri si concentrano su un lato più umano del loro lavoro, come formare relazioni interpersonali con i pazienti.
L’IA ha portato anche ad altre soluzioni davvero divertenti e innovative.
In alcuni hotel, utilizzando un App, gli ospiti dell’hotel ora possono effettuare il check-in in hotel semplicemente utilizzando le impronte digitali o facendo un selfie. Secondo alcuni, questi sono enormi passi avanti. Tuttavia, non dovrebbe essere interpretato nel senso che l’esperienza umana non sarà più necessaria. I risultati migliori si ottengono ancora quando gli esperti umani lavorano fianco a fianco con l’IA, ciascuno apportando il meglio delle proprie capacità uniche a un problema.
Altra dimostrazione. Sistema di allarme antincendio in un edificio che rileva il fumo e rilascia acqua una volta attivato il sensore di fumo. Un esempio di automazione è un sistema di allarme antincendio in un edificio che rileva il fumo e rilascia acqua una volta attivato il sensore di fumo. L’automazione sta facendo in modo che una macchina faccia le cose automaticamente senza l’intervento umano, mentre l’intelligenza artificiale riguarda l’apprendimento automatico e l’imitazione delle azioni degli umani per completare le attività. L’IA trova schemi, impara dalle esperienze e sceglie le risposte adeguate alle situazioni, come fanno gli esseri umani. Tuttavia, con l’automazione devi configurare le tue macchine con una configurazione manuale che si basa su determinate regole e ordini, affinché funzionino nel modo in cui vorresti.

Come l’IA viene utilizzata in diversi settori
Attualmente siamo agli albori della Quarta Rivoluzione Industriale (4IR) che porterà cambiamenti nel modo in cui viviamo, lavoriamo e interagiamo grazie all’introduzione di tecnologie intelligenti.
La prima rivoluzione industriale utilizzò acqua e vapore per meccanizzare la produzione.
Il secondo utilizzava l’energia elettrica per creare una produzione di massa.
Il terzo utilizzava l’elettronica e la tecnologia dell’informazione per automatizzare la produzione.
Ora una quarta rivoluzione industriale si basa sulle tecnologie digitali. Si pensa che sia una fusione di tecnologie che offusca i confini tra la sfera fisica, digitale e biologica.
L’intelligenza artificiale, inclusi i sistemi di machine learning e deep learning, stanno cambiando ogni settore e potrebbero creare incredibili opportunità per le aziende.
Pensate di svegliarvi un giorno e non di sentirvi bene. Potete controllare i rapporti sul sonno su un’app, come SleepScore, ad esempio, che utilizza il microfono e l’altoparlante per monitorare la frequenza respiratoria e i movimenti durante la notte. Anche con il coaching personalizzato del sonno, senti di aver bisogno del consiglio del medico. Un’app basata sull’intelligenza artificiale, come l’app Babylon Health, può aiutarti a ottenere una diagnosi di base controllando i tuoi sintomi e offrendoti un trattamento che corrisponda ai tuoi sintomi e alla tua storia medica. Se vi sentite ancora molto male e decidiate di chiamare l’ospedale, anche un controllo dei sintomi abilitato alla voce AI può controllare i tuoi sintomi e indirizzarti al pronto soccorso quando è necessario un pronto soccorso.
Inoltre, prenotare appuntamenti e gestire la disponibilità dei medici non è mai stato così facile con i sistemi basati sull’intelligenza artificiale. L’ottimizzazione dei programmi per il personale ospedaliero riduce la pressione su medici, infermieri e amministratori. Diciamo che invece di chiamare decidete andare in ospedale. Vedete il dottore che vi richiede che determinati test siano condotti e analizzati utilizzando la tecnologia basata sull’IA. L’elaborazione di immagini mediche e la generazione di report sono semplificate grazie all’apprendimento automatico e agli algoritmi di deep learning. Sieti curiosi e chiedete al dottore in che modo queste nuove tecnologie sono utili nell’assistenza sanitaria durante l’esecuzione di test o il rilevamento di problemi di salute. Il medico vi spiega che, ad esempio, il rilevamento del tumore è un compito facile condotto in modo più accurato con l’elaborazione automatizzata delle immagini.
Gli algoritmi di deep learning apprendono il futuro importante da diverse immagini mediche e rilevano i tumori. Quindi, quando viene utilizzata come strumento per la diagnosi del cancro e la diagnosi di altre malattie, l’IA può migliorare notevolmente i tassi di sopravvivenza in una varietà di malattie attraverso la diagnosi precoce. Quindi, l’IA può aiutarti a monitorare la tua salute, gestire i tuoi trattamenti, prevenire le emergenze e può consentirti di accedere all'assistenza sanitaria, anche senza visitare un ospedale. Come puoi vedere, questi pochi esempi mostrano che l’IA gioca un ruolo importante nel futuro dell’assistenza sanitaria e si evolverà in modo da aiutare il personale medico e non sostituirlo.
In agricoltura per esempio Intelligent Growth Solutions, un’azienda che fornisce tecnologia per consentire l'agricoltura indoor, ha utilizzato l’intelligenza artificiale per prevedere con precisione quanto tempo impiegherà le loro colture a fiorire e diventare mature, pronte per la raccolta e l’imballaggio. Questo viene fatto coltivando le colture sotto luci a LED in edifici a due piani utilizzando robot agricoli.
Drones, invece ha inventato un robot volante che può essere controllato a distanza, per monitorare la crescita delle colture e scoprire le condizioni ottimali per l’agricoltura.
La tecnologia AI sta aiutando a rendere le città intelligenti più pulite e sicure prevedendo i livelli di traffico, inquinamento e criminalità attraverso i dati che raccoglie, che possono aiutare i governi e i pianificatori delle città a capire quali nuove iniziative introdurre.
Riconoscimento facciale utilizzato dalla polizia negli Stati Uniti per rilevare i criminali scansionando migliaia di immagini in pochi secondi per trovare una corrispondenza.
Supportare gli anziani in Giappone individuando comportamenti anormali e allertando i caregiver (Nb: persona che si occupa di qualcuno non autosufficiente).
Pertanto, come esseri umani, dobbiamo pensare agli aspetti positivi che il lavoro con le macchine porterà alla nostra vita lavorativa quotidiana e a come possiamo trarne vantaggio.
Nel vostro supermercato locale, hanno introdotto le casse self-service. In aeroporto, avete registrato il vostro bagaglio senza interazioni umane.
È importante sottolineare che mentre 75 milioni di posti di lavoro attuali sono sfollati in tutto il mondo, potrebbero emergere 133 milioni di nuovi posti di lavoro. Ciò significa che quasi 60 milioni di posti di lavoro verranno creati grazie all’intelligenza artificiale. Questo è già successo molte volte, poiché quando la tecnologia avanza, il nostro lavoro cambia.
Ma pensate a tutti i nuovi lavori che sono stati sviluppati da quando è uscito internet, lavori come web designer e team di comunicazione sui social media per esempio. La stessa evoluzione accadrà di nuovo man mano che l’IA diventa più integrata. I tipi di ruoli che si riducono e crescono saranno molto diversi. Cresceranno i ruoli che sono significativamente basati e potenziati dall’uso della tecnologia, come analisti di dati, sviluppatori di software e applicazioni, e-commerce e social media. Inoltre, cresceranno anche i ruoli che richiedono tratti spiccatamente umani, come addetti al servizio clienti, formazione e sviluppo, nonché innovazione.
La stampa 3D di massa, i dispositivi intelligenti, i chatbot, la biotecnologia, la realtà aumentata e virtuale diventeranno parte del nostro modo di vivere, allo stesso modo in cui l'elettricità o Internet lo sono per noi ora.
Quindi cosa significherà? I ruoli a maggior rischio sono quelli di routine, prevedibili. Questi sono suscettibili di apprendimento automatico. Questo non è solo all’ingrosso, al dettaglio o produzione. Si tratta anche di servizi professionali e aziendali, come commercialisti o esperti di marketing o avvocati. Tuttavia, è importante che non dobbiamo pensare a questo come esseri umani contro macchine. Non abbiamo alcuna possibilità di competere con le macchine su compiti frequenti e ad alto volume. Sono gli esseri umani e la macchina contro il problema.

L’intelligenza artificiale consentirà alle persone di ottenere di più in meno tempo. Può assumere compiti ripetitivi mentre affronti situazioni nuove: la strategia, le relazioni, il lato più umano del nostro lavoro. In questo modo, noi umani possiamo fare ciò che sappiamo fare meglio: essere umani. Queste competenze future possono solo essere previste, anche se si ritiene che le aziende cercheranno in futuro set di competenze piuttosto che ruoli lavorativi specifici. Quindi quali sono queste abilità d’oro previste per il futuro? Come si collegano al nostro attuale set di abilità? Bene, è importante che non dobbiamo sentirci disconnessi.
Il futuro è nelle nostre mani.
E le opportunità per avere successo nel futuro del lavoro sono pronte per essere sfruttate.

07

Vedremo in futuro come l’intelligenza umana riuscirà a rapportarsi con quella artificiale… o viceversa….

Maurizio Bartolini
Direttore Responsabile

 

* * * * * *all rights reserved unauthorized copying reproduction* * * * * *

Collegato a Truman TV International: https://trumantv.videogram.mc/truman-tv-international.html
Rubrica di Informazione ed Intrattenimento del Direttore Responsabile Maurizio Bartolini
Pour info et communications: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
WhatsApp: 329 62 37 408

Ph. et assemblage: Jimmy Olsen

New VideoGram - 44, boulevard d’Italie - Principauté De Monaco
Editore contenuti e prodotti mediatici, televisivi e radiofonici Truman TV e Truman Journal
CEO - Christine Montepilli

* * * * * *

Letto 12491 volte

Radiotruman TV

  • RadioTruman nasce nel 1997 dalla collaborazione di un gruppo di artisti come una delle prime web radio in Italia. Editore della Radio è la "Nuova Videogram"  (www.videogram.mc) appartenente al Gruppo MC Communications & Promotions con sede in Montecarlo.

RadioTrumanLogo

Contatti

44, Bd d'Italie
Monaco, 98000
Principato di Monaco
Mobile: +33 607 939 657
radiotrumantv.com/